Pensa (e parla) positivo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Tendiamo a iniziare le nostre frasi col “non” e a dire molto più spesso ciò che non va fatto piuttosto che indicare ciò che sarebbe opportuno fare.

Tutto quello che esprimiamo in negativo invece che essere ignorato acquista potere e si rafforza.

Dobbiamo imparare a esprimerci in termini affermativi per consentire alla nostra mente di concentrarsi su ciò che diciamo o pensiamo senza distrazioni.

Può sembrare solo un gioco di parole, ma formulare i risultati desiderati in positivo è un passo essenziale per realizzarli.

Questo aspetto diventa poi ancora più importante quando parliamo con i bambini piccoli, che non hanno la corteccia pre-frontale sviluppata, matura e strutturata per comprendere facilmente un concetto espresso attraverso la negazione.

Ho parlato di questo facendomi aiutare da una puntata del Podcast Crescere con tuo figlio di Giovanni Aricò.

Nell’ambito della salute è fondamentale poi per far arrivare il nostro messaggio in maniera corretta.

Per esempio, diciamo spesso (pensando siano utili) frasi del tipo:

  • non preoccuparti
  • non avere paura
  • non farò del male

concentrando l’attenzione del paziente sul male, la paura e la preoccupazione.

Queste espressioni, per essere veramente funzionali, possono essere trasformate in semplici:

  • stai tranquillo
  • va tutto bene

Ti ricordo che mi potrai trovare al Festival del Podcasting che si terrà a Milano il 12 ottobre 2019.

I NO creano un muro. Usali consapevolmente e smetti di portare l’attenzione su ciò che non va, perché continui a dargli vita.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp