Come ci può aiutare l’Intervista Motivazionale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Il colloquio motivazionale è un approccio che viene utilizzato per aiutare le persone che potrebbero avere difficoltà a prendere decisioni, in qualunque aspetto della loro vita, anche nell’ambito della loro salute.

L’obiettivo dell’Intervista Motivazionale è di consigliare i pazienti che potrebbero essere incerti o dubbiosi nell’attuare un cambiamento di comportamento e innescare la loro motivazione interiore per avere successo in questo cambiamento.

L’Intervista Motivazionale cerca quindi ciò che motiva un individuo e questo è diverso per tutti.

Non si danno soluzioni, ma si guida il paziente nella conversazione in modo che sia lui stesso a raggiungere alle sue conclusioni.

Dobbiamo quindi, come operatori sanitari, resistere alla tentazione di mettere in atto il riflesso raddrizzante: vedo qualcosa che clinicamente non va bene o che richiede attenzione, lo dico al paziente e gli dico come modificare il comportamento.

In questo modo però non includiamo il paziente nella discussione e lui potrebbe chiudersi e anche ostacolare qualsiasi cambiamento.

Dobbiamo invece parlare con l’obiettivo di creare una vera e propria alleanza terapeutica, cioè quella forma di collaborazione operatore-paziente:

  • senza giudizio
  • con un livello di comprensione profondo
  • che includa il paziente stesso nella discussione
  • che consenta al paziente di decidere il corso delle sue azioni
  • che identifichi i bisogni che il paziente è disposto a cambiare

La resistenza al cambiamento è normale. Per questo diventa fondamentale supportare il paziente nella sua lotta al cambiamento ed esplorare quello che è importante per lui al fine di apportare questo cambiamento.

Come viene in pratica la tecnica dell’IM?

Esistono 4 passi chiave che si identificano nell’OARS.

O = open questions. Le domande aperte non richiedono solo una risposta “sì o no”, ma consentono ai pazienti di entrare in un dialogo con l’operatore.

A = affirmations. Le affermazioni creano un clima positivo e aiutano i pazienti a riconoscere i loro punti di forza.

R = reflective listening. L’ascolto riflessivo porta ad ascoltare e capire il paziente e le sue esigenze, pur rimanendo di supporto.

S = summarizing. Riassumere la sessione con ciascun paziente per assicurarsi di aver compreso appieno ciò che è stato discusso.

È fondamentale collaborare con i pazienti.

Alla fine sono gli esperti dei loro corpi, anche se noi siamo gli esperti della salute.

Qui la puntata con la Dott.ssa Elisa Pierozzi dove abbiamo introdotto il concetto dell’Intervista Motivazionale: Come conquistare la fiducia del paziente

Qui il libro che mi ha avvicinato per la prima volta all’Intervista Motivazionale: Health Behavior Change in the Dental Practice di Christoph A. Ramseier e Jean E. Suvan.

Hai notato che quando qualcuno ti dice di fare qualcosa è meno efficace rispetto a quando decidi di farlo tu?

Ascolta Parole e salute anche su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp